Check for details
 

Capello: “Juve troppo forte, il Milan mi piace”

Capello: “Juve troppo forte, il Milan mi piace”

L’Italia è tornata ad essere squadra, ha superato la Polonia e scongiurato una dolorosa retrocessione. Una prova di carattere da parte degli azzurri: ha analizzato così la partita Fabio Capello intervenuto durante la trasmissione Radio anch’io Sport in onda sulle frequenze di Radio 1: “E’ stata una buona partita, ma si era già visto qualcosa di positivo contro l’Ucraina. La conferma della squadra ha dato fiducia e si sono espressi nel migliore dei modi. La forza come in tutte le squadre è il centrocampo che ha dato vigore”.

“Un attaccante di peso forse darà forza maggiore a questa Nazionale. Io credo che l’allenatore conosca i giocatori che ha in panchina e quindi fa una scelta in base alla statura e Ciro Immobile è un centravanti e potrebbe giocare dall’inizio, ma ciò non toglie che la scelta di Mancini sia stata vincente. Barella? E un giocatore che dà cambio di ritmo sia sul piano della quantità che della qualità, mi ricorda un po’ Tardelli nell’aspetto dinamico. Il calcio italiano ormai è fatto di possesso palla ed ormai è nel DNA di tutti i giocatori, la Nazionale è una squadra molto valida e questo modo di giocare ormai è un’abitudine per tutti, ma la cosa importante è riuscire ad arrivare con la palla in area di rigore e questo è il lavoro che dovrà fare Mancini. La Polonia ha dimostrato di essere una squadra un po’ dimessa. La scelta del doppio playmaker va letta in chiave di più sicurezza della difesa ed è un sistema che io ho sempre adottato nelle squadre. I due centrali sono Jorginho e Verratti rafforzati dalla presenza di Barella”.

“Cutrone? A me piace Patrick, è dinamico e va davanti la porta, ciò che un po’ è mancato ieri. Lasagna è interessante, può dare qualcosa in più, ma per ora ha fatto un’apparizione molto breve che non può farti capire lo spessore di un giocatore con la maglia azzurra.”

“Prima Monza in Serie A o il Milan allo scudetto? Alla pari, il Milan ha ancora bisogno di qualcosa per arrivare al livello della Juventus- risponde l’ex ctGattuso sta dando mentalità alla squadra, coscienza della propria forza e sia Maldini che Leonardo sono parte di questo progetto. Il Monza in tre anni arriverà alla Serie A, conoscendo il presidente Berlusconi, Adriano Galliani e la loro capacità”.

“Il calcio italiano? A livello calcistico e di campo sembra che abbiamo imboccato la strada giusta, a livello di Federazione per fare le cose seriamente aspettiamo coloro che saranno eletti e dunque la volontà di fare riforme e cose concrete. Basta chiacchiere”.

Capello ha poi analizzato lo strapotere della Juventus: “Va dato merito ad Ancelotti, è riuscito a rivoluzionare la testa dei giocatori che ormai sapevano fare solo un compito. Non vedo possibilità però di competere in campionato con la Juventus che ha dato dimostrazione di forza e quasi di superbia e la vedo favorita e vincitrice anche quest’anno. Perché non ho mai allenato il Napoli? Non mi ha mai chiamato, non sono mai stato interpellato dal Napoli”.

“La Roma? Io ho i miei ricordi della Roma come giocatore prima e come allenatore poi, potrei al massimo tornare solo da consulente ma non da dirigente”.

“Il derby di Milano? Higuain quando calciava in porta aveva una grande capacità di inquadrarla, poi è migliorato molto perché ha imparato a partecipare all’azione e poi è sempre stato un bravissimo ragazzo. Nel derby quale dei due modi di giocare di Icardi e Higuain prevarrà? Io credo che dipenderà molto da coloro che giocheranno vicino ai due centravanti. Suso è difficile da marcare e l’Inter dovrà raddoppiarlo. Icardi e Higuain mi piacciono molto, io sono fan di Mauro è un giocatore che vede, sente il gol come pochi. Invece Higuain si muove molto meglio. Io ho sempre giocato con due punte, il Milan è cresciuto molto ha ottimi giocatori e se la gioca alla pari con l’Inter. I rossoneri hanno dei problemi quando difendono, ma Gattuso è quello giusto per il Milan. Alle volte Rino forse esagera a voler giocare la palla con Donnarumma, ma a me piace molto come giocano il rossoneri”.

Seguici anche nei nostri Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *