Check for details
 

Ventura: “La Nazionale è una scelta che non rifarei”

Ventura: “La Nazionale è una scelta che non rifarei”

Il tempo passa, l’amarezza resta. E’ ancora negli occhi di tutti il Mondiale russo senza Italia, quasi un inedito, di certo dolorosissimo. Colpa di tutti, certo, ma il ruolo di responsabile numero uno, come succede spesso in questi casi, è toccato al ct Ventura. Che dopo mesi è tronato a parlare, non per la prima volta dopo la disfatta con la Svezia, ma continua a rimarcare il fatto che tornando indietro non accetterebbe più la chiamata della nazionale: “E’ stata una ferita umana perché sono state dette un sacco di falsità. Dopo la Svezia ho provato un’enorme sofferenza interiore anche perché per accettare l’incarico da c.t. avevo rifiutato offerte importantissime di società di prima fascia: scelta che non rifarei.

Tornare ad allenare? Non posso pensare sia finita qui, due sconfitte non possono cancellare 35 anni della mia vita. i ripenso ma non nel senso che magari si può pensare -dice -. Molti ripensano alla partita con la Svezia, io penso a quello successo prima di quella sfida. La sconfitta con la Spagna era uno scenario prevedibile: in quel momento loro erano una delle squadre più forti del mondo e tutti dicevano che molto probabilmente saremmo andati ai playoff. Poi quando è successa questa cosa non è stata più accettata. Mi sono dato un’infinità di colpe personali quando ho capito che non ero più l’allenatore e avrei dovuto lasciare molto prima. Le colpe sono state anche di aver accettato delle situazioni che ritenevo inaccettabili”.

Seguici anche nei nostri Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *