Check for details
 

Ruggeri: “I tifosi del Boca mi bruciarono la casa con i miei genitori dentro”

Ruggeri: “I tifosi del Boca mi bruciarono la casa con i miei genitori dentro”

Che in Argentina il tifo superi ampiamente le logiche del buonsenso è una cosa risaputa. Ma quando a parlare sono protagonisti del mondo del calcio che anno vissuto quelle realtà la cosa fa ancora più impressione. E ad ascoltare il racconto di Oscar Ruggeri vengono i brividi. L’ex centrocampista, infatti, passò dal Boca al River e i tifosi Xeneises non la presero affatto bene per usare un eufemismo: “Quando sono passato dal Boca al River, hanno bruciato la mia casa con i miei genitori dentro“. Poi aggiunge: “Quando è accaduto sono andato a testa alta davanti la Barra Brava del Boca. L’ho affrontata perché controllava tutto e gli ho detto che quella era l’ultima cosa che avrei sopportato. La Barra Brava ti chiede le cose quando sei un giocatore e hai paura perché minacciano di fare qualcosa alla tua famiglia”. Un periodo che comunque il Campione del Mondo argentino non rinnega: “E’ stato molto bello giocare per entrambe le squadre”.

Ruggeri, qualche anno dopo fu protagonista anche con il Real Madrid, e si sofferma sulla figura di Florentino Perez: “Florentino è un grande. Se l’avessi avuto come presidente, sarei sicuramente rimasto più anni al Real Madrid”.

Poi sulla finale che andrà in scena Domenica al Santiago Bernabeu: “Sarà una partita incredibile e molto difficile. Il River Plate gioca meglio, ma il Boca è più efficace. Dal nulla può far goal. Sarà un match incerto, visto anche quello che è accaduto”.

Seguici anche nei nostri Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *